ARCHIVIO CASI TRATTATI

La Corretta Applicazione della Clausola Bonus-Malus in Assicurazione Auto


In una recente sentenza, un'azienda ha ottenuto il ripristino della classe di merito originale della propria polizza assicurativa e un significativo risarcimento per danni, dopo che un sinistro stradale era stato erroneamente attribuito all'azienda stessa.

Dettagli e Svolgimento del Processo: L'azienda aveva contestato l'attribuzione del sinistro avvenuto all'inizio dell'anno, presentando prove che il loro veicolo non era stato coinvolto. Nonostante queste evidenze, la compagnia assicurativa aveva aumentato il premio della polizza applicando la clausola bonus-malus.

Esito e Motivazioni della Decisione: Il giudice ha stabilito che le modifiche alla classe di merito dovrebbero essere supportate da prove concrete di responsabilità dell'assicurato. Riconoscendo che l'azienda aveva dimostrato l'assenza di responsabilità, è stato ordinato il ripristino della classe di merito e l'annullamento delle penalità aggiuntive imposte.

Implicazioni della Sentenza: Questa decisione ribadisce l'importanza di una corretta applicazione delle clausole contrattuali e della necessità per le compagnie assicurative di agire in modo equo e basato su prove solide. La sentenza enfatizza anche l'importanza del diritto del consumatore a una giusta valutazione delle proprie coperture assicurative.

Sei Coinvolto in un Caso Simile? Se hai subito un trattamento ingiusto dalla tua assicurazione o stai affrontando una situazione simile, il nostro studio legale può assisterti.


Il tuo diritto è la priorità.

Contatta lo studio legale per una consulenza e per scoprire come puoi essere aiutato.

Non lasciare che questioni legali non risolte influenzino la tua vita quotidiana o quella della tua azienda.

Sul sito web troverai tutte le informazioni necessarie per raggiungerci facilmente, oppure puoi chiamarci direttamente per fissare un appuntamento per discutere del tuo caso.



Annullato Decreto Ingiuntivo per 5.000 Euro su Fatture di Gas Non Dovute


L'avvocato Pier Luigi Piscitelli, del Foro e con studio in Napoli, ha rappresentato con successo un consumatore, ottenendo l'annullamento di un decreto ingiuntivo da 5.000,00 euro. Il caso riguardava un consumatore accusato ingiustamente di debiti per la fornitura di gas in un immobile che aveva già lasciato da tempo.

Dettagli del Caso: 

Il decreto ingiuntivo era stato emesso a favore di una compagnia di gas che richiedeva il pagamento di 5.000,00 euro. Tuttavia, è stato dimostrato efficacemente che il cliente non avrebbe potuto utilizzare il gas poiché non risiedeva più nell'immobile in questione. Inoltre, è stato evidenziato che le richieste di pagamento erano cadute in prescrizione, dato che il consumatore non aveva ricevuto valide comunicazioni o solleciti per le presunte fatture insolute.

L'Autorità Giudiziaria, valutando le prove presentate, ha accolto le argomentazioni della difesa, stabilendo che il pagamento non era dovuto e annullando il decreto ingiuntivo.

Implicazioni per i Consumatori: 

Questo caso sottolinea l'importanza di non accettare passivamente richieste di pagamento non giustificate e di consultare un legale quando si ricevono richieste ingiustificate o la notifica di un decreto ingiuntivo. 

Il nostro studio si impegna a proteggere i diritti dei consumatori, assicurando che siano trattati equamente e che le loro questioni legali siano risolte favorevolmente.

Il tuo diritto è la priorità.

Contatta lo studio legale per una consulenza e per scoprire come puoi essere aiutato.

Non lasciare che questioni legali non risolte influenzino la tua vita quotidiana o quella della tua azienda. 

Sul sito web troverai tutte le informazioni necessarie per raggiungerci facilmente, oppure puoi chiamarci direttamente per fissare un appuntamento per discutere del tuo caso. 

Affido Esclusivo concesso alla madre in caso di violenza familiare 


In un caso recentemente trattato dal nostro studio legale, abbiamo difeso con successo una madre accusata ingiustamente di impedire gli incontri tra il figlio minorenne e il padre.
La cliente ha presentato una serie di prove che dimostravano come il
comportamento violento e l'abuso di sostanze stupefacenti del padre fossero una minaccia costante alla sicurezza e al benessere del bambino.
Dettagli del Caso: Il padre aveva citato in giudizio la madre, sostenendo che lei ostacolasse i suoi diritti di visita. Tuttavia, grazie alla nostra difesa e alla presentazione di documentazione dettagliata, il Tribunale ha riconosciuto la veridicità delle preoccupazioni della madre. Di conseguenza, è stato deciso l'affido esclusivo del minore alla madre, con l'obbligo di mantenimento a carico del padre.
Misure Protettive Adottate: Il Giudice ha, inoltre, stabilito che i diritti di visita del padre si svolgessero in ambienti protetti, tramite i Servizi Sociali competenti, e ha ordinato controlli trimestrali presso il SERD per monitorare l'uso di sostanze stupefacenti da parte del padre.
Il Nostro Impegno nella Tutela dei Minori: Questo caso sottolinea l'impegno del nostro studio nella protezione dei minori e nella lotta contro la violenza familiareOffriamo supporto legale per assicurare che le decisioni riguardanti l'affido dei bambini siano prese nell'interesse superiore del minore.
Se vi trovate in una situazione simile o conoscete qualcuno che necessita di assistenza legale in casi di affido, non esitate a contattarci. Siamo pronti a fornire supporto e consulenza per proteggere i vostri diritti e quelli dei vostri cari.


Il tuo diritto è la priorità.

Contatta lo studio legale per una consulenza e per scoprire come puoi essere aiutato.

Non lasciare che questioni legali non risolte influenzino la tua vita quotidiana o quella della tua azienda.

Sul sito web troverai tutte le informazioni necessarie per raggiungerci facilmente, oppure puoi chiamarci direttamente per fissare un appuntamento per discutere del tuo caso.


Protezione contro gli Abusi Familiari:Ordine di Protezione ex Artt. 342-bis, 342-ter c.c. e 736-bis c.p.c.


Nel nostro studio legale, ci dedichiamo a proteggere i membri della famiglia da ogni forma di abuso, sostenendoli attraverso la richiesta di ordini di protezione.

Questi ordini sono strumenti legali vitali che intervengono quando un familiare subisce danni gravi che possono minare la sua integrità fisica, morale o la libertà personale.

Caratteristiche dell'Ordine di Protezione:

Atipicità dell'Illecito: Si copre ogni tipo di abuso, indipendentemente dalla sua forma. Non è necessario che vi sia una lesione fisica o psichica evidente; azioni come l'umiliazione continua o il "mobbing familiare" sono sufficienti per richiedere protezione.

Ampia Protezione Giuridica: Protezione dei diritti costituzionali contro ogni forma di violenza, dalle più subdole e psicologiche alle aggressioni fisiche dirette, garantendo che l'ambiente familiare sia sicuro per tutti i suoi membri.

Modalità di Protezione: Gli ordini possono prevedere misure come incontri protetti, monitoraggio attraverso servizi sociali e, se necessario, limitazioni sul contatto fisico, per proteggere la dignità e la sicurezza del familiare aggredito.

La condotta violenta può manifestarsi in diverse modalità:

Violenza fisica: non solo produrre lividi, ferite e fratture, ma anche urlare ed aggredire verbalmente la vittima, spaccare oggetti, minacciarla con armi o coltelli etc.

Violenza psicologica: atteggiamenti penetranti ma sottili (ad esempio intimidazioni, minacce, vessazioni, denigrazioni, rimproveri continui e persecutori) tali da non essere, in un primo momento, nemmeno percepiti come violenza da parte della stessa vittima
Violenza economica: atteggiamenti (spesso non riconosciuti come violenza) volti ad impedire che il familiare diventi economicamente indipendente, in modo da poter esercitare su di lui un controllo indiretto ma incisivo

Violenza assistita: violenza subita non dal minore in prima persona, ma a cui il minore assiste o direttamente (trovandosi nella stessa stanza in cui i genitori stanno litigando) o indirettamente (essendo a conoscenza della violenza) o percependone gli effetti.


Il Nostro Impegno: Supportiamo attivamente i nostri clienti nella documentazione e presentazione della loro situazione alle autorità, assicurando che ricevano la protezione necessaria per prevenire ulteriori danni. La nostra esperienza abbraccia tutti gli aspetti dell'abuso familiare, garantendo una difesa completa e compassionevole.

Se tu o una persona che conosci sta affrontando una situazione di abuso, non esitare a contattarci. Offriamo consulenze riservate per discutere della tua situazione e esplorare le opzioni legali disponibili.


Riconoscimento Retroattivo della Pensione di Reversibilità per Ex Coniuge Divorziato


Il nostro studio legale ha recentemente ottenuto un importante successo nel garantire il riconoscimento retroattivo della pensione di reversibilità per un ex coniuge divorziato. Il Tribunale ha accolto integralmente le richieste presentate dalla nostra difesa, stabilendo un ulteriore importante precedente per casi simili.


Dettagli del Caso:

  • Valutazione delle Condizioni Economiche: Il Tribunale ha considerato attentamente le condizioni economiche delle parti coinvolte.
  • Durata dei Matrimoni: È stata riconosciuta l'equivalenza della durata dei matrimoni degli aventi diritto, un fattore decisivo per la ripartizione della pensione.
  • Assegno Divorizile : L'importo dell'assegno divorzile precedentemente riconosciuto alla ricorrente è stato un criterio chiave per determinare la sua quota di reversibilità.

Decisione del Tribunale: La decisione ha stabilito che entrambi gli ex coniugi, il superstite e il divorziato, avevano diritto a una quota del 50% ciascuno della pensione di reversibilità, partendo dal mese successivo al decesso del pensionato. Importante è il riferimento alla sentenza della Corte Suprema di Cassazione n. 2092 del 2007, che conferma il carattere costitutivo necessario della sentenza e la sua efficacia retroattiva.

Implicazioni per i clienti: Questo caso sottolinea l'importanza di un supporto legale qualificato in questioni di diritto previdenziale e familiare. Se vi trovate in una situazione simile o avete domande sulla pensione di reversibilità, il nostro team di esperti è qui per aiutarvi.

Contattaci per una Consulenza: Per maggiori informazioni su come possiamo assistervi in questioni di pensione di reversibilità o altre questioni legali, visitate il nostro sito web o contattate direttamente il nostro studio. 

Siamo impegnati a difendere i vostri diritti e a garantirvi il supporto necessario per navigare le complessità del diritto previdenziale.

Ordinanza di Mantenimento Diretto: Un Caso di Successo per il Mantenimento dei Figli


Nel recente caso gestito dal nostro studio, il Tribunale ha risolto efficacemente una situazione di inadempimento nel pagamento del mantenimento del figlio minore, imponendo un ordine diretto di pagamento al datore di lavoro del coniuge inadempiente.

Contesto del Caso: Dopo la separazione consensuale tra i coniugi, era stato stabilito che il marito dovesse versare alla moglie un assegno mensile di 250 euro per il mantenimento del figlio, oltre al 50% delle spese straordinarie. Tuttavia, il marito cessò i pagamenti a partire da maggio 2020. Di fronte a questa inadempienza, la moglie intraprese azioni legali che portarono prima alla notifica di un atto di precetto per le undici mensilità non pagate e successivamente all'avvio di un pignoramento mobiliare.

Decisione del Tribunale: Il Tribunale ha riconosciuto la necessità di garantire la continuità e la sicurezza del mantenimento, ordinando al datore di lavoro del marito di detrarre direttamente dalla retribuzione del lavoratore le somme dovute, basandosi su precedenti giurisprudenziali significativi che supportano tale misura in casi simili di inadempimento.

Importanza del Caso: Questa decisione sottolinea l'importanza di proteggere i diritti economici dei figli minori e di assicurare che gli obblighi di mantenimento siano rispettati. Rappresenta un chiaro esempio di come il diritto di famiglia possa intervenire efficacemente a tutela degli aventi diritto, in particolare in contesti di separazione e divorzio.

Come Possiamo Aiutarti: Se stai affrontando situazioni simili o hai domande sulle tue opzioni legali per garantire il mantenimento, il nostro studio legale è qui per aiutarti.


Affido Esclusivo Concesso alla Madre per Disinteresse del Padre


Nel recente caso trattato dall'avv. Pier Luigi Piscitelli, è emersa la necessità di deviare dalla norma dell'affidamento condiviso a causa del marcato disinteresse del padre verso sua figlia. Nonostante il principio di base della legge italiana favorisca l'affido condiviso, come sottolineato dalla Cassazione, sono state riconosciute circostanze eccezionali che hanno reso l'affidamento esclusivo alla madre la soluzione più adatta per il benessere del minore.

Dettagli del Caso: La madre ha citato in giudizio il padre per il suo continuo disinteresse e la difficoltà nell'assumere decisioni congiunte nell'interesse della figlia, incluso il semplice rilascio dell'autorizzazione per l'iscrizione scolastica. A seguito di un'accurata analisi e valutazione delle prove presentate, il Tribunale ha confermato la validità delle affermazioni della madre.

Decisione del Tribunale: L'istituzione ha deciso per l'affido esclusivo al genitore più idoneo, assegnando la residenza principale della minore alla madre. La decisione è stata supportata da un rigoroso esame giuridico che ha evidenziato l'inadeguatezza educativa e l'inadempimento del padre nei suoi doveri di visita, mantenimento e istruzione.

Impatto Legale e Significato della Sentenza: Questa sentenza riafferma l'importanza dell'interesse superiore del minore nelle decisioni di affidamento, ponendo le basi per future decisioni in casi simili dove l'inadeguatezza di un genitore possa compromettere il benessere del figlio.

Per saperne di più: Se stai affrontando una situazione simile o hai bisogno di consulenza legale riguardo l'affidamento dei tuoi figli, visita il nostro sito web o contatta direttamente l'avv. Pier Luigi Piscitelli. Il nostro studio è dedicato a proteggere i diritti dei minori e a garantire che le decisioni siano prese nell'interesse migliore dei nostri clienti.

Affido esclusivo del minore alla madre


L'avv. Pier Luigi Piscitelli ha recentemente rappresentato con successo una madre nel contesto di un litigio per l'affidamento esclusivo del figlio minore, dimostrando la condotta inadeguata dell'ex compagno e la necessità di un affidamento che garantisse il benessere del bambino.

Contesto e Decisione Giudiziale: Durante il processo, è stata evidenziata la condotta problematica del padre, tra cui minacce e disinteresse nei confronti del figlio. Questi comportamenti hanno portato il tribunale a derogare al principio di bigenitorialità, previsto come norma dalla legislazione italiana, affidando esclusivamente alla madre la custodia del minore. La decisione è stata presa in base a criteri stabiliti dalla Corte di Cassazione, che pongono l'interesse del minore al centro delle valutazioni sull'affidamento.

Importanza della Decisione: Questa sentenza sottolinea l'importanza di valutare attentamente le condizioni di vita del minore e l'interazione con i genitori. La giurisprudenza riconosce che l'affidamento condiviso è la norma, ma ammette deroghe quando la situazione familiare può pregiudicare il benessere del bambino.

Consulenza Legale in Casi di Affidamento: Se vi trovate in una situazione simile o avete bisogno di assistenza legale in questioni di affidamento, l'avv. Pier Luigi Piscitelli offre consulenza e rappresentanza legale basate su un'impegno costante per la tutela dei minori.

Risarcimento per la Perdita di Numerazione Fissa e Servizi Internet


In un recente procedimento giudiziario gestito con successo dal nostro studio legale, è stato riconosciuto il diritto al risarcimento per un cliente, consumatore di servizi di telefonia e internet, a seguito della perdita della propria numerazione fissa. La sentenza definitiva ha stabilito un risarcimento di €1.700,00 più interessi, confermando l'inadempimento contrattuale del gestore telefonico.

Dettagli del Caso: Il nostro cliente ha subito una significativa interruzione dei suoi servizi di comunicazione, elemento fondamentale per l'esercizio della libertà di espressione e di informazione, diritti garantiti dalla Costituzione. L'Autorità Giudiziaria ha accolto le nostre argomentazioni, enfatizzando l'importanza di avere accesso ininterrotto ai mezzi di comunicazione come il telefono e il web.

Importanza della Sentenza: Questa decisione sottolinea l'importanza della responsabilità dei fornitori di servizi nel garantire la continuità delle comunicazioni dei consumatori e stabilisce un precedente importante per casi simili di inadempimento contrattuale.

Hai Problemi Simili con il Tuo Gestore Telefonico? Se stai affrontando problemi simili o hai subito danni a causa dell'inadempimento di contratti di servizio, il nostro studio legale può aiutarti a ottenere il risarcimento che meriti. 

Contattaci per una consulenza legale approfondita e scopri come possiamo supportarti.

Confermata l'Inapplicabilità della Sospensione della Prescrizione delle Cartelle di Pagamento Durante il Covid-19 


Durante l'epidemia di Covid-19, molte normative temporanee sono state introdotte per mitigare gli impatti economici, tra cui il Decreto Cura Italia. Tuttavia, in un caso recentemente seguito dal nostro studio legale, l'Autorità Giudiziaria ha stabilito l'inapplicabilità dell'art. 68, comma 4-bis, del Decreto nei confronti di un nostro cliente, riguardante la sospensione della prescrizione delle cartelle di pagamento.

Dettagli del Caso: In novembre 2021, l'Agenzia delle Entrate Riscossione notificò una cartella di pagamento di circa €2.000,00 al nostro cliente. La difesa sollevata ha messo in discussione l'applicabilità delle norme di sospensione previste dal Decreto Cura Italia, portando a una decisione favorevole per il nostro cliente, con il riconoscimento che le pretese creditorie erano illegittime.

Esito della Sentenza: La sentenza, ora passata in giudicato e quindi definitiva, ha annullato la cartella di pagamento, confermando i diritti del consumatore e la protezione contro pretese creditorie non giustificate.

Il Nostro Impegno: Questo caso sottolinea l'importanza di un'adeguata rappresentanza legale in tempi di incertezza normativa e crisi economica. 

Se anche tu stai affrontando sfide legali simili o hai ricevuto cartelle di pagamento che credi possano essere state influenzate dalle normative temporanee legate al Covid-19, non esitare a contattarci.

Mantenimento della Qualifica di Impresa Artigiana in Attività Mista: Spiegazioni e Implicazioni Legali


In un recente giudizio, il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha chiarito importanti aspetti relativi alla qualifica di impresa artigiana, come definito dall'art. 3 della Legge Quadro sull'Artigianato n. 443/85. La questione riguardava l'integrazione di attività commerciali secondarie in un'impresa primariamente artigiana e l'impatto di queste sul mantenimento della qualifica artigiana.

Criteri Definiti dal Tribunale: L'impresa viene considerata artigiana se, nei limiti dimensionali stabiliti dalla legge, ha come scopo principale la produzione di beni o la prestazione di servizi, esclusi specifici settori come l'agricoltura e le attività commerciali puramente di servizio. Importante è che le attività commerciali secondarie possano essere considerate strumentali o accessorie all'attività principale artigiana, senza influenzare la qualifica artigiana dell'impresa.

Implicazioni della Sentenza: Questa decisione sottolinea che l'esecuzione di attività commerciali secondarie non preclude automaticamente la qualifica di impresa artigiana, a condizione che tali attività siano accessorie e strumentali rispetto all'attività principale. Al contrario, se le attività secondarie prevalgono o non sono strumentalmente legate all'artigianato, l'impresa potrebbe perdere la sua qualifica artigiana con conseguenti ripercussioni legali e amministrative, inclusa la possibile cancellazione dal Registro delle Imprese.

Perché è Importante per le Imprese Artigiane? Questo chiarimento è fondamentale per tutte le imprese che operano in ambiti misti e che desiderano preservare la loro identità e benefici legali come artigiani. Assicurarsi che le attività secondarie rimangano accessorie è cruciale per mantenere tale status.

Se la tua impresa si trova in una situazione simile o hai domande su come navigare queste complessità legali, contatta il nostro studio.

Risarcimento per Mancata Cessazione del Servizio di Telefonia Fissa


In un recente caso seguito dal nostro studio legale, un cliente ha ottenuto un significativo risarcimento a seguito della mancata cessazione del suo servizio di telefonia fissa domestica. Nonostante le richieste esplicite di disdetta, l'operatore telefonico ha continuato ad emettere fatture e a richiedere il pagamento.

Cronologia del Caso: Il cliente ha richiesto formalmente la cessazione del servizio, ma l'operatore non ha rispettato tale richiesta, continuando a fatturare il servizio non più desiderato. Dopo un fallito tentativo di conciliazione, il caso è stato portato davanti all'Autorità Giudiziaria competente. Il giudizio ha visto l'accoglimento delle domande del cliente, con la sentenza che ha dichiarato non dovuti i pagamenti fatturati post-cessazione e ha condannato l'operatore telefonico al risarcimento dei danni.

Importanza della Sentenza: Questa decisione sottolinea l'importanza del rispetto dei diritti dei consumatori e conferma che le pratiche ingiuste o gli errori amministrativi da parte dei fornitori di servizi non devono gravare sui clienti. La sentenza rappresenta un chiaro precedente a favore dei diritti del consumatore e stabilisce un importante riferimento legale per casi simili.

Hai Problemi Simili? Se stai affrontando difficoltà simili con il tuo operatore telefonico o altro fornitore di servizi, non esitare a contattarci. Il nostro studio legale è specializzato nella difesa dei diritti dei consumatori e può aiutarti a ottenere il risarcimento che meriti.


Accolta Opposizione pignoramento Agenzia delle Entrate Riscossione (A.D.E.R.) 


Un nostro cliente ha recentemente affrontato un atto di pignoramento da parte dell'Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER), precedentemente nota come Equitalia, per un importo di circa € 18.000,00. In risposta, abbiamo presentato un ricorso al Tribunale competente per chiedere la sospensione dell'esecuzione.

Risultato Giuridico Favorevole: Il giudice ha accolto favorevolmente l'opposizione presentata dal nostro studio, annullando un totale di 31 cartelle esattoriali. Di conseguenza, è stato dichiarato che l'importo di € 18.000,00 non era dovuto dal nostro cliente.

Implicazioni per i Consumatori e Imprese: Questa sentenza rappresenta un importante precedente per i diritti dei consumatori e delle imprese, dimostrando l'efficacia di una difesa legale adeguata contro le azioni esecutive dell'ADER. 

Contattaci per Assistenza: Se anche tu stai affrontando situazioni simili di pignoramento o altre questioni fiscali, il nostro studio legale può assisterti.

Non lasciare che questioni complesse ti opprimano.

Risarcimento per Errata Misurazione dei Consumi di Gas


Un nostro cliente ha recentemente ottenuto un risarcimento di € 800,00 a seguito di un errore nella misurazione dei consumi di gas da parte del suo fornitore. Nonostante ripetuti reclami per correggere la fatturazione errata, la società fornitrice non solo ha fallito nel rettificare l'errore, ma ha anche sospeso ingiustamente la fornitura di luce nell'abitazione del cliente.

Dettagli del Caso: La bolletta ricevuta dal cliente era basata su una stima inaccurata dei consumi, che il cliente ha immediatamente contestato attraverso reclami formali. Di fronte alla mancata correzione e alla successiva sospensione della fornitura di luce, il nostro studio ha portato il caso dinanzi all'Autorità Giudiziaria competente, che ha pienamente riconosciuto la validità delle richieste del cliente.

Esito del Processo: Il giudice ha censurato fermamente la condotta della società fornitrice, riconoscendo il diritto del cliente al risarcimento per i disagi e i danni subiti a causa dell'errata fatturazione e della sospensione del servizio.

Proteggi i Tuoi Diritti come Consumatore: Se anche tu hai subito disagi a causa di errori da parte dei fornitori di servizi, il nostro studio legale può assisterti nel rivendicare i tuoi diritti e ottenere il risarcimento dovuto.

Rimborso Integrale su Finanziamenti Estinti Anticipatamente


In un recente caso gestito dal nostro studio, un consumatore ha affrontato una situazione di rimborso insoddisfacente da parte di una società finanziaria dopo l'estinzione anticipata di un finanziamento. Nonostante la finanziaria avesse inizialmente rifiutato di rimborsare completamente il cliente, incluse le commissioni non maturate e le spese assicurative, il nostro intervento legale ha portato a un esito favorevole.

Dettagli del Caso: Dopo aver estinto anticipatamente il suo finanziamento, il cliente si è visto offrire un rimborso inferiore rispetto a quanto effettivamente dovuto. A seguito di una contestazione formale e un tentativo di mediazione non risolutivo, il caso è stato portato davanti all'Autorità Giudiziaria competente, che ha riconosciuto il diritto del consumatore alla restituzione completa dei costi indebitamente trattenuti dalla finanziaria, incluso sia le commissioni che le spese assicurative, dichiarando inoltre nulle le clausole contrattuali che prevedevano il contrario.

Implicazioni per i Consumatori: Questa sentenza ribadisce l'importanza di verificare le condizioni di qualsiasi contratto di finanziamento, soprattutto in caso di estinzione anticipata. Rafforza il diritto dei consumatori a ricevere rimborsi giusti e trasparenti, liberandoli da clausole contrattuali ingiuste.

Hai Bisogno di Assistenza Legale? Se hai dubbi sulla correttezza dei rimborsi ricevuti dopo l'estinzione di un finanziamento o se ritieni di essere stato trattato ingiustamente, contattaci. 

Il nostro studio legale è specializzato in diritto dei consumatori e può aiutarti a ottenere ciò che ti è dovuto.

Annullamento del Provvedimento di Revisione della Patente per Mancata Prova di Notifica dei Verbali


Il Tribunale di Napoli ha recentemente accolto un appello contro una sentenza del Giudice di Pace, annullando il provvedimento di revisione della patente che aveva portato all'azzeramento dei punti secondo l'articolo 126 bis del Codice della Strada. La decisione è stata presa perché l'amministrazione non è riuscita a dimostrare adeguatamente l'esistenza e la notifica dei verbali di contravvenzione che avevano causato la perdita totale dei punti della patente.

Dettagli del Caso: Secondo il Tribunale, la Pubblica Amministrazione aveva solo elencato i sette verbali di contravvenzione senza fornire la prova concreta della loro notifica al detentore della patente, a eccezione di due. La mancanza di questa prova fondamentale ha reso il provvedimento di revisione della patente illegittimo, poiché basato su presupposti non giustificati.

Implicazioni Legali e Consigli: Questa sentenza ribadisce l'importanza della trasparenza e del rispetto dei diritti dei cittadini nei procedimenti amministrativi. Se ti trovi in una situazione simile o hai dubbi sulla legittimità di un provvedimento amministrativo che ti riguarda, è essenziale consultare un avvocato.

Contattaci per Assistenza Legale: Se necessiti di assistenza per questioni simili o vuoi saperne di più sulle tue opzioni legali, non esitare a contattarci.

Informazioni legali

I contenuti, le informazioni, le sentenze e gli altri dati pubblicati su questo sito, così come i link ad altri siti web, hanno scopo puramente informativo e non possiedono valore ufficiale. Non si assume responsabilità per errori o omissioni di qualsiasi tipo né per danni diretti, indiretti o accidentali che possano derivare dall'utilizzo delle informazioni o documenti pubblicati, o da qualsiasi altro tipo di contenuto presente sul sito. Lo stesso vale per l'utilizzo del materiale contenuto nei siti web collegati tramite link.

© 2019 Avv. Pier Luigi Piscitelli. Tutti i diritti riservati.